Visitare Ragusa con gli animali

Idee Viaggio A DOG con il Cane - Visitare Ragusa con gli animali

Ragusa è una delle città più importanti della Val di Noto e, infatti, nel 2002 è stata inserita tra i siti patrimonio dell’UNESCO. Ciò che caratterizza la città è lo stile barocco che l’ha resa famosa in tutto il mondo. Il percorso ideale da fare insieme al vostro cane è quello che raggiunge Ragusa Ibla, la città vecchia rappresentata degnamente dal bellissimo Duomo di San Giorgio. La strada è in salita e comincia dalla chiesa di Santa Maria delle Scale per arrivare in Piazza della Repubblica. Mano a mano che si sale il panorama diventa sempre più mozzafiato, con una vista affascinante sui Monti Iblei, e sui tetti della città. A Ragusa Ibla non dovete perdervi una sosta in compagnia degli animali al giardino Ibleo, da cui si gode di un’ampia vista sulla valle sottostante. Il viale d’ingresso è ornato da alte palme, che fanno da cornice al parco, una vera meraviglia per gli occhi grazie alla natura verdeggiante, alle panchine in pietra, ai vasi e alle tantissime specie vegetali e animali. Raccomandiamo di tenere sempre i cani al guinzaglio e munirsi di sacchetti per la raccolta delle deiezioni.

A pochi chilometri da Ragusa, nella frazione di Marina di Ragusa, la buona notizia è che i cani possono accedere nell'arenile accanto al molo di ponente del porto turistico di 250 mq. Ovviamente gli animali dovranno essere iscritti all'anagrafe canina e avere il microchip. I proprietari devono adottare tutte le misure del caso per una civile convivenza, quindi tenere il guinzaglio, munirsi di museruola e raccoglitori per rimuovere le deiezioni.

A circa 15 chilometri da Ragusa, invece, la tappa d’obbligo è la visita con il cane al castello di Donnafugata. Tenendo sempre l’animale al guinzaglio, potrete scoprire questo affascinante e maestoso edificio dell’Ottocento. L’area su cui sorge il castello è di circa 2500 mq. e le stanze visitabili al momento sono solo 20 su un totale di 120, ma ne vale comunque la pena per fare un tuffo nel passato. Fa da cornice a questa dimora un parco di 8 ettari con quasi 1500 specie vegetali, un tempietto circolare, grotte artificiali e il labirinto in pietra. Il luogo è famoso anche per alcune scene che sono state girate qui per la fiction “Il commissario Montalbano”.