×

Insegna al tuo cane a nuotare

Dog news
Insegna al tuo cane a nuotare

Insegnare al cane a non avere paura dell'acqua e a nuotare richiede molta pazienza, poiché non tutte le razze amano questo tipo di attività.

Infatti, tra quelle che non hanno problemi a stare in acqua ci sono i Terranova, i Labrador Retriever, i Golden Retriever, l’American Water Spaniel, l’Irish Water Spaniel, il Lagotto Romagnolo, il Perro de Agua Espanol e lo Spaniel Olandese.

Preparare l'addestramento


La scelta del luogo è di fondamentale importanza per preparare l'addestramento.
Di solito, meglio preferire un luogo che si conosce bene, come un lago o un laghetto e si sconsigliano i fiumi, per la profondità e per la corrente, a volte troppo forte.
L'ideale sarebbe anche la presenza di una riva digradante per consentire un accesso graduale all'acqua. Inoltre è bene testare prima la temperatura dell'acqua, che non deve essere fredda, ma mite per evitare eccessivi sbalzi con quella dell'ambiente.

Per quanto riguarda l'occorrente, vi serviranno palline giocattolo, e bocconcini-premio per quando riuscirà a superare la prova dell'acqua.

La prova

Per un'efficace approccio con l'acqua è bene seguire sempre le reazioni del proprio animale.
Innanzitutto fategli prendere confidenza con il luogo tenendolo al guinzaglio, in modo che possa avvicinarsi anche alla riva e bagnare un po' le zampe.
Incoraggiatelo e premiatelo con palline e bocconcini, così che abbia un ricordo piacevole dell'esperienza.
Successivamente potete entrare anche voi in acqua, sempre poco a poco, e vedere se vi segue o meno. Dopodiché usate ancora la pallina per tirarla nel laghetto e incoraggiarlo a prenderla.
Se non ha problemi, molto presto si sentirà a suo agio, ma può capitare di dover ripetere questi "esercizi" più di una volta perché possa ritenersi sicuro.

In ogni caso, se lo ritenete opportuno, potete adottare un altro metodo, cioè tenerlo in braccio mentre voi entrate piano in acqua. Fate in modo che possa bagnarsi gradualmente fino alla completa immersione dove, spontaneamente, comincerà a muovere le zampe (e voi continuerete a sostenerlo sotto la pancia).
Una volta acquisita la sicurezza necessaria potete lasciarlo e provare a camminare verso la riva per verificare il suo comportamento.

Condividi con i tuoi Amici

Articoli Correlati